Matematica con amore…la nostra partecipazione al Carnevale della Matematica!

by

La prossima edizione del carnevale della matematica tratta con particolare enfasi della “paura” della matematica.

All’inizio dell’anno scolastico ho perso qualche ora a preoccuparmi di capire se in classe ci fosse qualcuno che poteva soffrire di questa paura. In una classe di 20 ragazzini c’è sempre qualcuno che ne soffre, è un dato quasi statistico.

Come puoi imparare a fare qualcosa che ti fa paura? Provate anche solo per un secondo a pensare alla vostra prima bicicletta, alle rotelle, al genitore che vi teneva il sellino per permettervi di imparare ad utilizzarla senza rotelle.

Tutti imparano ad andare in bicicletta se sono rassicurati, se non hanno paura.

A volte la programmazione deve essere messa da parte perchè prima di tutto è importante preoccuparsi del sentimento con cui i ragazzi affrontano la lezione, se non è libero non può esserci apprendimento.

Questa piccola premessa per spiegare perchè, all’inizio dell’anno,  ho chiesto ai ragazzi di scrivere delle poesie sugli argomenti che abbiamo studiato in classe. Il compito assegnato era facoltativo. L’intuibile scopo era solo quello di rompere il ghiaccio e permettere a chi si sentiva più sicuro nelle materie letterarie di partecipare attivamente, di lasciare un’impronta, di iniziare un dialogo.

L’idea è stata accolta con entusiasmo e non ho mai pubblicato questi componimenti perchè me li tenevo (così ho promesso ai ragazzi) per l’attesissimo carnevale della matematica.

Non potrò mai essere sicura di aver dato abbastanza coraggio ai miei ragazzi, però leggendo queste poesie non posso che confortarmi un po’ e sperare che Sì, effettivamente si stia lavorando con proficua serenità.

 

Il sistema decimale (Martina 1° I)

Il sistema decimale è un sistema più che decennale

è un sistema di numerazione posizionale

che lo rende assai razionale

e quanti numeri bisogna usare per poterlo rappresentare?

Da 0 a 9 è corretto per un sistema perfetto.

 

Il sitema binario (anonimo)

Il sistema binario

è un sistema solitario

Di numerazione è il sistema,

in base due è lo schema.

Per rappresentare i numeri,

le cifre sono 0 è 1,

le altre sono nessuno.

Nei computer viene utilizzato

 e con due cifre rappresentato.

 

Sistema decimale (Federico 1°I)

Fibonacci ce lo insegna

e la mente a noi impegna

si discute in quirinale

sul sitema decimale

da zero a nove son le cifre

su cui tanto si ridice

dopo il nove il dieci c’è

ma unità più non è.

Quando arrivo alla decina

io non trovo più la rima

associando le decine

le centinaia son vicine

la matematica non è opinione

ogni cosa ha una posizione.

 

Sistema binario (Federico 1°I)

Ho cercato sul dizionario

la definizione di

sistema binario

trovo scritto che solo due numeri vengono usati

per risolvere i problemi

degli informatici

lo zero e l’uno

dopodichè non c’è nessuno.

 

Il sistema Binario (Martina 1° I)

Il sistema numerico binario

è preciso come un treno in orario.

Il suo sistema posizionale

è meno tradizionale di quello decimale,

anche se è essenziale

non è casuale!

Per rappresentare i numeri

usa due simboli

lo 0 e l’1

senza aver bisogno di nessuno.

 

Fare un’espressione (Riccardo 1° I)

Fare un’espressione

è proprio una bella questione!

Prima le parentesi tonde,

poi quadrate e infine graffe,

proprio una bella palestra da far girare la testa!

Ed ancora moltiplicazioni e divisioni,

addizioni e sottrazioni,

che terribili emozioni!

 

Espressione che grande operazione! (Andrea 1° I)

L’espressione è una grande

operazione si calcola in quest’ordine

dalle divisioni, moltiplicazioni, addizioni

e non dimenticare le sottrazioni.

Si calcolano prima le parentesi

tonde, quadre e graffe

quelle graffe sembrano giraffe.

Alla fine fai attenzione

al procedimento dell’espressione!

 

Le espressioni (Martina 1° I)

L’espressione potrebbe essere un modo di dire

ma in matematica è un’operazione da capire!

I numeri sono racchiusi tra parentesi tonde,

quadre e graffe,

il loro ordine non è casuale

ma dalle tonde bisogna iniziare,

con le quadre proseguire

e con le graffe finire.

Attenzione a non dimenticare

una regola fondamentale:

bisogna sviluppare prima moltiplicazioni e divisioni

con tutte le loro complicazioni,

poi addizioni e sottrazioni

per giungere alle conclusioni!

Se poi non hai sbagliato

un bel voto…sarà assicurato!

 

Le espressioni (anonimo)

Le espressioni sono un insieme di operazioni

con le parentesi in tante posizioni.

Prima svolgo le divisioni

in compagnia delle moltiplicazioni;

poi passo alle addizioni

che son sorelle delle sottrazioni.

Risolvo le parentesi tonde

prima di passare alle seconde;

ora tocca alle quadrate

che non sono più complicate!

Ma le graffe non devo dimenticare

se al traguardo voglio arrivare

E così ragionando e contando

sventolo il risultato semplicemente giocando.

 

Espressione (anonimo 1° I)

Quando tu vai in cartoleria

devi comprare cancelleria:

compri due penne a 2 e 50,

2 quaderni e paghi 60.

Se 10 euro ti trovi in saccoccia

ti restano soldi per la focaccia?

Se al problema che vi ho dato

il risultato avete trovato,

sono sicuro, io vi dico,

che l’espressione avete capito.

Come la frase da parole è formata

l’espressione da numeri è combinata.

I numeri in fila avete messo

legati da segni che danno un nesso.

Divisioni e moltiplicazioni

precedono sempre sottrazioni ed addizioni.

Risolvi prima la parentesi tonda,

parentesi quadra come seconda,

e se infine la graffa scompare

hai completato il tuo da fare.

 

Espressione (Lorenzo 1° I)

Fare un’espressione è sempre un’emozione.

Prima calcolo le parentesi tonde,

quasi fossero delle onde.

Poi le quadre e le graffe,

da non confondere con le giraffe!

Eseguire le moltiplicazioni

fa venire molte reazioni.

Poi faccio le addizioni e le sottrazioni in sequenza,

e per risolvere…pronti via partenza!

 

Espressione (Simona 1° I)

La parentesi tonda ha sempre ragione

lei è il vero campione

di parentesi tonda ce n’ è solo una

tutte le altre hanno sfortuna.

 

Annunci

25 Risposte to “Matematica con amore…la nostra partecipazione al Carnevale della Matematica!”

  1. Federico fan di Justin Bieber Says:

    infatti avevo paura di una verifica di matematica pensavo che era difficile ma poi l’ho trovata facile. by Fede

  2. Fermina Daza Says:

    Ciao, ragazzi!
    Non ero brava in matematica ed avevo terrore delle verifiche. Poi arrivò un’insegnante che mi fece capire il senso di quello che stavo facendo e più mi mettevo alla prova e più mi piaceva farlo. Per questo ancora oggi penso alla matematica “con amore”, lo stesso amore che continuo a provare per quell’insegnante.

  3. Federico fan di Justin Bieber Says:

    adesso va tutto bene oggi ho preso 90 su 100 della verifica di matematica

  4. Federico fan di Justin Bieber Says:

    grazie

  5. Federico fan di Justin Bieber Says:

    sono un mito

  6. Federico fan di Justin Bieber Says:

    si

  7. Marco Says:

    Cara Elena, finalmente sono arrivato al tuo bellissimo articolo; questo carnevale, con tutti i suoi contributi è stato davvero stupendo.

    Voglio subito dirti che se ogni insegnante all’inizio dell’anno si ponesse la tua stessa domanda, si preoccupasse prima di tutto di conoscere i propri ragazzi, forse riuscirebbe ad impostare un approccio alla materia più “su misura”.
    La programmazione… La programmazione la fanno quelli che lontani dalle aule non tastano il polso dei propri ragazzi.

    Bellissima la tua iniziativa, primo perchè ci permette di gustare questi piccoli capolavori dei tuoi ragazzi, ma soprattutto perchè, come tu dici, ha permesso di rompere il ghiaccio e vi permette di lavorare con tranquillità. Le poesie sono tutte bellissime e lasciano capire che comunque i concetti matematici si stanno assimilando.

    Mi ha molto colpito il finale di una di queste:
    ” …che terribili emozioni”
    La parola TERRIBILI lascia intendere che c’è ancora da lavorare su vecchie “ruggini”, ma, seguita da EMOZIONI, fa ben comprendere che si è sulla strada giusta, che il percorso intrapreso porterà sicuramente degli ottimi risultati.

    Complimenti a te cara Elena, per come riesci ad interagire con i ragazzi,
    e complimenti anche e soprattutto ai tuoi ragazzi che sono sicuro. con un insegnante come te, pian piano adoreranno la Matematica.

    Un salutone
    Marco

    • elenafavaron Says:

      Ciao Marco!

      si anche io sto percorrendo ancora i post del Carnevale della matematica! Questa edizione è lunghissima, ricca di spunti e di riflessioni.
      Grazie per le tue incoraggianti parole, come dicevo non si fa mai abbastanza. Dopo una settimana di assenza per malattia sono rientrata in classe, ho annunciato ai ragazzi che avevamo finalmente partecipato al Carnevale della matematica con le loro poesie, erano felici. Ho chiesto se qualcuno di loro aveva paura della matematica…con mia grande sorpresa, dopo aver negato hanno invece dichiarato di temere scienze!

      Temono le interrogazioni di scienze. Su questo naturalmente ora lavoreremo, vedi, avevo dato per scontato, erroneamente, che in quella materia non ci fosero problemi. Sono in ogni caso felice che abbiamo costruito un dialogo sincero al punto da permettergli di confessare la cosa.

      Avrei dovuto interrogare di scienze ma ho ovviamente desistito e abbiamo invece discusso la faccenda per trovare qualche strategia che potesse permettere loro di lavorare in più tranquillità.

      A gennaio vedremo se ci siamo riusciti!

  8. Marco Says:

    Effettivamente, superato lo scoglio della Matematica, alle Scienze non ci avrei pensato neanche io; di solito è una materia che, con un po’ di spirito di iniziativa e contatto con la realtà e la natura, noi ragazzi, non dico amiamo, ma almeno non odiamo.
    Sono sicuro che saprai trovare il modo per incuriosire, far divertire ed apprendere ai tuoi ragazzi, anche le Scienze.

    X i ragazzi:
    Guardatevi attorno, ogni cosa che vedete, toccate, sentite ed altro, ogni cosa che la natura, il prograsso e le tecnologia ci offrono, sono parte di noi e la Scienza ci aiuta a comprendere per poter apprezzare meglio.
    Avete paura di voi stessi? Avete paura del compagno che vi sta di fianco o dell’albero nel vostro giardino, o della luce, o del vostro gatto, o dei tuffi che fate nel mare, o delle gite in montagna, o del vostro telefonino…? (potrei continuare all’infinito).
    Le scienze sono “cose o concetti” con cui sin da piccoli avete imparato a convivere, quindi tranquilli, lasciatevi guidare dalla vostra bravissima prof e vedrete che tutti i timori svaniranno.
    Un salutone a tutti i ragazzi
    ed un abbraccio a te cara Elena.
    Marco

    PS:
    Quando hai tempo mi piacerebbe avere un tuo giudizio sul mio contributo per il carnevale; basta anche un commento sul blog di Annarita.

    • elenafavaron Says:

      Caro Marco,

      non credo loro abbiano paura delle scienze, ma della mia interrogazione 🙂 Almeno così mi è parso di capire da quanto si è detto in classe.
      Sicuro che passo a commentare, non ho ancora avuto il piacere di leggere con calma il tuo intervento ma spero di poterlo fare al più presto!

  9. lucavinai Says:

    cara elena, penso proprio che tu abbia centrato lo spirito e l’approccio: troppo spesso, io per primo, si tende a considerare superfluo o inutile il “setting” e il punto di vista dei ragazzi. le premesse sono fondamentali e metterli al centro significa lasciare che siano loro a lavorare. Brava! luca

  10. annarita Says:

    Cara Elenuccia, ho letto che non sei stata bene. Mi auguro che adesso ti sia ripresa per benino.

    Sono passata a fare gli auguri a te e ai tuoi splendidi ragazzi. Che sia un Natale luminoso, pieno di amore e salute per tutti.

    Un abbraccio grande.
    annarita:)

  11. Marco Says:

    Tantissimi auguri di buon Natale a te ed a tutti i tuoi ragazzi.
    Riposatevi, divertitevi e ricaricatevi.
    Ci si risente nel 2011
    AUGURI
    Marco

  12. Fede fan di Cristian Imparato Says:

    come và

  13. Federico fan di Justin Bieber Says:

    ho trovato i miei amici su facebook Agnese,Davide,Edoardo,Carmen,Giulia,Gabriele,Giuseppe

  14. alberto Says:

    L’amore e’ il sale della vita,matematica inclusa!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: