Problemini per l’estate dedicati ai ragazzi di seconda media – quesito numero 3

by

Torniamo ai nostri aquiloni, anzi, a quelli di Pierino.

Come spiegavo qualche giorno fa, questo Pierino ha una specie di bernoccolo matematico-scientifico e quindi non si è accontentato di fare volare gli aquiloni, ha deciso di monitorare su un grafico le prestazioni.

Grafico del rendimento degli aquiloni progettati da Pierino

Grafico del rendimento degli aquiloni progettati da Pierino

Pierino ha tracciato col blu le prestazioni dell’aquilone più piccolo, col verde quelle del secondo aquilone e col rosso quelle del terzo aquilone.

Sull’asse delle ordinate ha segnato l’altezza raggiunta e sull’asse delle ascisse il tempo che ogni aquilone ha impiegato  per raggiungere una determinata altezza.

Dopo aver fatto il grafico si è confrontato con un suo amico il quale ha trovato da ridire su alcuni punti;

per prima cosa il compagno di Pierino ha chiesto quali unità di misura ha usato per l’asse delle ascisse e per quello delle ordinate. “Quelle più adatte!” ha risposto subito Pierino.

Sapreste indicarmi quali tra queste unità di misura è la più adatta per l’asse delle ordinate? mm, cm, m, km?

Qual è la più adatta all’asse delle ascisse? secondi, minuti, ore?

I due ragazzi hanno poi parlato del significato del tracciato, qual è l’aquilone che ha raggiunto l’altezza maggiore?

Pierino e il suo amico erano in completo disaccordo quando hanno studiato il tracciato verde. Pierino sostiene  che dal punto A al punto B l’aquilone ha percorso 30 metri, mentre il suo amico sostiene che dal punto A al punto B l’aquilone è rimasto alla stessa quota, poi ha ripreso ad alzarsi. Chi ha ragione e perchè?

Che cosa ha fatto l’aquilone verde dal punto B al punto C?

Qual è l’aquilone che è caduto in terra più rapidamente?

Per quanto tempo Pierino ha fatto volare ogni aquilone?

Buona interpretazione!!!

Elena Favaron

Annunci

12 Risposte to “Problemini per l’estate dedicati ai ragazzi di seconda media – quesito numero 3”

  1. giovanni Says:

    L’unità di misura più adatta per l’asse delle ordinate è il metro, mentre per l’asse delle ascisse ha usato i secondi. Ha raggiunto l’altezza maggiore l’aquilone più grande ( tracciato rosso). Secondo me, possono avere ragione entrambi, perchè l’aquilone per 30 secondi (da 30x a 60x) è rimasto alla stessa altezza (20y), percorrendo una determinata distanza, che però non posso definire perchè non conosco la velocità. L’aquilone dal punto B al punto C si è alzato di 20m (40y-20y) in 60 sec. (120x-60x). E’ caduto più rapidamente l’ aquilone più piccolo. Pierino ha fatto volare ogni aquilone per 200 sec., quindi per 3min. e 20sec. ciascuno; in tutto si è divertito per 10 min… ed ora mi chiedo:QUANTE CALORIE AVRA’ BRUCIATO?…SCHERZOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!

    • elenafavaron Says:

      bravo Giovanni, tutto bene fino a quando spieghi che è rimasto alla stessa altezza. Giustamenti sottolinei che “la data distanza” non si può conoscere (possiamo solo immaginare che Pierino stia correndo per far volare l’aquilone e che l’aquilone venga trascinato ma non sappiamo per quanti metri. Questo perchè nel grafico è riportata la quota massima raggiunta ma non è riportato il dato sui metri percorsi da Pierino. Per questo motivo possiamo dare ragione solo all’amico di Pierino. Infatti sulla base del grafico non è possibile dire che ha percorso 30 metri, ma solo che è rimasto alla stessa quota.

      Bene di quanto si è alzato l’aquilone dal punto C al punto B, bene il tempo 60 sec.

      Vero, è caduto più rapidamente l’aquilone più piccolo. Ottima la conversione secondi, minuti.

      Avrà sicuramente bruciato tantissime calorie!!!

      😛

      Il prossimo problema venerdì sera!

  2. davi Says:

    pierino , il “tizio degli aquiloni” , questa volta nn mi ha dato molti problemi: inanzitutto le unità di misura per il tempo e per il percorso fatto erano secondi ( perchè un aquilone che vola per 200 minuti fino ad ora nn l’ ho mai visto ) e metri .
    poi è bastato guardare il grafico per capire che l’aquilone a spingersi più in sù è stato il rosso , mentre ad avere ragione tra i due sulla questione dell’ aquilone verde era pierino perchè un aquilone , causa vento , nn può volare dritto per 30 secondi ad una h di 20 m.
    le risposte alle prossime domande sono le seguenti : questo benedetto aquilone verde vola per 60 secondi innalzandosi per altri 20 metri , ma è il primo a cadere essendo ad un’altezza minore degli altri 2. all’ultima domanda rispondo che tutti gli aquiloni hanno viaggiato per 200 secondi ad altezze sepre quasi diverse

    • elenafavaron Says:

      Molto bene Davide, l’unico errore sta nel dare ragione a Pierino.

      In questi problemi devi sempre fare riferimento al grafico. La domanda parlava di quota e percorso fatto dall’aquilone ma, come avrai notato, nel grafico non viene riportato il percorso fatto, solo la quota e il tempo. E’ come se avessimo una visione bidimensionale della realtà.

      In questo caso, Pierino non può giustificare la sua tesi, perchè sul grafico non ha segnato il percorso fatto dall’aquilone, mentre l’amico di Pierino può affermare con sicurezza che la quota raggiunta viene mantenuta per 30 secondi. Probabilmente in quei 30 secondi l’aquilone ha anche percorso uno spazio, restando però sempre alla stessa quota.

      Questo problema era ispirato al test invalsi di terza media di quest’anno.

      Siete stati molto bravi, sembrava semplice ma nascondeva parecchi trabocchetti.

      😉

      Dimenticavo, il prossimo problema venerdì sera!

  3. federico Says:

    questa volta ho fatto più in fretta :

    misura asse ordinate o y in metri

    misura asse ascisse o x in secondi (perchè un aquilone che vola per 200 minuti è strano)

    dovrebbe aver ragione l’amico di Pierino perchè l’aquilone è rimasto alla stessa quota (circa 20m di altezza)

    l’aquilone che ha raggiunto l’altezza maggiore dovrebbe essere quello rosso

    l’aquilone verde da B a C si è alzato di quota (circa 20m)

    l’aquilone che è caduto più rapidamente è stato quello verde

    Pierino ha fatto volare ogni aquilone per 200secondi ovvero per 3minuti e 40secondi

    ps:

    quell’articolo sul mio posto di villeggiatura è per la prossima puntata

  4. federico Says:

    scusi sono ancora io,rileggendo mi sono accorto di un mio errore :
    nel mio commento sul problema di Pierino 200secondi sono 3minuti e 20secondi e non come avevo scritto prima : 3minuti e 40secondi

  5. giada Says:

    l’unità di misura per il percorso sono i metri invece per il tempo sono i secondi.
    l’aquilone che ha raggiunto l’altezza più alta è quello che fa il percorso rosso,

  6. giada Says:

    l’unità di misura del percorso è il metro, mentre del tempo sono i secondi.
    l’aquilone che ha raggiunto l’altezza maggiore è quello che fa il percorso rosso, per l’aquilone con il percorso verde ha ragione l’amico di pierino perchè si sposta in 30 secondi ma rimane sempre alla stessa quota.
    L’aquilone verde dal punto B al punto C si alza di 18m, mentre l’aquilone che cade più rapidamente è quello blu.
    pierino ha fatto volare tutti gli aquiloni per quasi 2 minuti e 20 secondi

    • elenafavaron Says:

      Brava Giada!

      controlla solo la tua ultima risposta, non sono 2 minuti e 20 secondi ma 3 minuti e 20 secondi. Infatti 200 secondi equivalgono a 180 secondi + 20 secondi. 180 sono 3 minuti.

      😉

  7. Federico fan di Justin Bieber Says:

    Bravo Fede

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: